Rassegna cinematografica "we LOVE cinema"


La Pro Loco L'Araba Fenicia di Sambuca ti invita a partecipare alla QUARTA rassegna cinematografica estiva "ANGOLI di CINEMA", quest'anno intitolata: "we LOVE cinema".
Visiteremo gli angoli più nascosti e più affascinanti della cittadina belicina, ammireremo 5 commedie divertenti e interessanti, passeremo qualche serata in compagnia di amici che amano la settima arte.

Novità di quest'anno è che anche tu sei protagonista. Infatti potrai scegliere l'ultimo film della rassegna che sarà proiettato nella fantastica cornice del sagrato della chiesa del Rosario.

I film in proiezione:


TO ROME WITH LOVE

La locandina del film
La locandina del film

MERCOLEDÌ 23 LUGLIO 2014 ore 21.00 
VILLA COMUNALE DI SAMBUCA DI SICILIA

Trama:
Jack e Sally sono una coppia di studenti americani a Roma, in attesa dell'amica di lei, Monica, un'attrice in erba con la fama della seduttrice seriale. John è un famoso architetto, di ritorno nella città eterna dopo trent'anni, che rivede in Jack se stesso da ragazzo e tenta inutilmente di metterlo in guardia rispetto a Monica. Anche Hayley è giovane e americana: innamoratasi di Michelangelo, figlio di un impresario di pompe funebri, convoca i propri genitori in Italia per far conoscere le famiglie. Insieme al padre regista d'opera in pensione e alla madre strizzacevelli, arriva a Roma anche una coppietta di Pordenone che finirà separata per un giorno da un turbine di equivoci. Ultimo è Leopoldo Pisanello, che diverrà per qualche tempo il primo, per la girandola della ribalta, il capriccio di una fama che è pura illusione e come viene se ne va.

Opinioni:
To Rome with Love è una sorpresa, una pellicola che brilla di luci differenti ma sempre brillanti.

Allen nel film si sforza dalla prima all'ultima inquadratura di non girare niente di gratuito. Il bel Midnight in Paris di cartoline ne mostrava molte di più. Il personaggio di Alec Baldwin dice a tal proposito: "Non mi diverto a fare il turista, preferisco vagare tra i vicoletti".

Il genio della comicità colpisce ancora, con 111 minuti di divertimento intelligente, e si sa che Woody Allen è un umorista straordinario dotato di una comicità straordinaria (sia come sceneggiatore,come regista e come attore), e questa è l'ennesima conferma del fatto che è un genio.




Il pensiero di Enzo Sciamè

Ha preso il via, ieri sera, la rassegna cinematografica targata Pro Loco, presso la villa comunale che, un po' alla volta, riapre i propri cancelli alla pubblica fruizione. E già questa è una bella notizia, perché la villa è una parte importante dei nostri vissuti: il luogo dove da bambini si andava a giocare, ad aspettare l'apertura domenicale del cinema Elios, dove si organizzavano le serate danzanti con gruppi autoctoni e perfino con i..Dick Dick.
Ottima scelta, dunque, quella di tornarvi, di provare a rivalorizzarla, a viverla. 
Proprio per questo, ha spiegato la neo presidente Danila Maggio, è stata scelta la villa per la "prima".

Divertente il film, con attori di prim'ordine, che ci hanno fatto sorridere e magari riflettere sulle diverse "sfumature" di ciò che chiamiamo amore.
Le vita di coppie diverse che si intersecano nella fantastica Roma. Le nostre fragilità, le nostre nevrosi, insicurezze e/o pseudo sicurezze che, talvolta, ci fanno crollare, rinascere, sorridere, soffrire.

L'Araba Fenicia c'è anche quest'anno, dunque.
A proporre a tutti i cittadini occasioni di incontro, partecipazione,divertimento. La rassegna è sostenuta dal Comune e da due sponsor privati: la banca Mediolanum, nella persona di Mariolina Licata, ed Ercolinet di Salvatore Abruzzo. 
Tra primo e secondo tempo, sindaco e vice, hanno portato il saluto dell'Amministrazione Comunale.
Una discreta partecipazione di cittadini ha decretato, con applauso finale, l'apprezzamento per la scelta fatta.
Come sempre impeccabile la "regia strumentale" di Peppe Armato che ha scelto di salutarci con "Chiamami ancora amore" di Roberto Vecchioni.
Quando si dice "la ciliegina sulla torta".
Arrivederci a mercoledì prossimo, ore 21, cortile Planeta.


TUTTA COLPA DI FREUD

La locandina del film
La locandina del film

MERCOLEDÌ 30 LUGLIO ore 21.00
CORTILE PLANETA (Via Monarchia) 

 

Trama:

Uno psicologo cinquantenne, Francesco, è stato lasciato solo dalla moglie ad allevare tre figlie e continua a farlo con grande amore e attenzione nonostante l'ultima abbia già compiuto 18 anni e la prima abbia superato i 30. Le tre figlie sono particolarmente sfortunate in amore: Sara, omosessuale, viene regolarmente lasciata dalle fidanzate quando le cose si fanno serie; Marta, libraia, si innamora di scrittori che non la ricambiano; Emma, maturanda, ha avviato una storia con Alessandro, coetaneo di suo padre e per giunta sposato con Claudia. A complicare ulteriormente le cose, Claudia è l'amore segreto di Francesco, che la incontra ogni giorno ma non osa rivolgerle parola, inizialmente ignaro che sia proprio lei la moglie del fedifrago.

 

Opinioni:

La leggerezza di un tocco mai volgare, alcune battute davvero azzeccate, una costruzione narrativa fresca e la capacità di orchestrare un coro di attori che, nelle sue mani, tirano fuori il meglio.

 

Veramente una bellissima commedia, ricca e ben costruita. Ritmo pazzesco, non si ferma un attimo, tutte le storie belle ed originali, musiche pazzesche... Dopo i cinepanettoni deludenti finalmente un bel film italiano. Nota di merito a se agli attori: Giallini divertentissimo, Gassman bravissimo, Puccini in grande forma, Foglietta esilarante, Marchioni bravissimo.




Il pensiero di Enzo Sciamè

Dopo la prima, buona anche la seconda. Anzi buonissima. Ieri sera, cortile di Casa Planeta, va in.. scena Tutta colpa di Freud, film numero due della rassegna targata Pro Loco e sostenuta dal Comune, dalla Banca Mediolanum e da Ercolinet.
Bel film, divertente eppure emblematico di questi tempi nostri. Dove l'amore, in tutte le sue accezioni, è terreno franoso, complesso, complicato da vivere. Tanto da far ricorso ad un terapeuta molto particolare; anche lui in difficoltà evidente nel governare i propri sentimenti e nell'occuparsi di tre figlie perdutamente innamorate.
Bellissimo il cortile che la famiglia Planeta ha messo generosamente a disposizione, ed è il secondo anno, della Comunità.
Ed allora il cinema diventa opportunità di incontro, di conoscenza dei luoghi in cui viviamo. Il cortile, con tanto verde alle pareti, con una scala che porta alle stanze, con una finestra illuminata che dà sul cortile stesso, dove un numero considereole di cittadini, alcuni in piedi, seguono il film e poi si fermano a raccontarsela. Si va via che è quasi mezzanotte.
E' il quarto anno che l'Araba Fenicia propone una rassegna cinematografica di qualità, completamente gratuita per i cinefili.
Un ottimo motivo, ma certamente non il solo, per sostenere la Pro Loco, magari iscrivendovisi. 
Un grazie particolare al prezioso Peppe Armato che mette a disposizione le sue diavolerie tecnologiche e, soprattutto, la sua competenza.
Prossimo appuntamento mercoledì 6 agosto, Convento dei Cappuccini.


IL LATO POSITIVO - Silver Linings Playbook

La locandina del film
La locandina del film

MERCOLEDÌ 6 AGOSTO ore 21.00
PIAZZALE DEL CONVENTO DEI CAPPUCCINI (Contrada Cappuccini)

 

Trama:

Pat esce dall'ospedale psichiatrico dopo otto mesi di trattamento con una sola idea in testa: rimettersi in forma e riconquistare la moglie Nikki. Un divieto di avvicinamento lo costringe, però, nel frattempo, in casa con la madre e il padre, che ha perso il lavoro e si è dato alle scommesse, e gli impone degli incontri settimanali con il dottor Patel. A questo punto, la già precaria autodisciplina di Pat viene sconvolta dall'incontro con Tiffany, giovane vedova con una recente storia di dipendenza da sesso e psicofarmaci. In cambio della sua intercessione presso Nikki, Tiffany vuole infatti che Pat le faccia da partner per un bizzarro concorso. 

 

Opinioni:

The Silver Linings Playbook e' un film assolutamente adorabile. Costantemente in bilico tra dramma e commedia romantica, e' un film che racconta la storia di due persone emarginate, due persone ''al limite''. Ed e' proprio per questo che lo spettatore sin da subito simpatizza e si identifica anche nei protagonisti, Pat e Tiffany.

 

Una commedia molto profonda  interpretata alla grande con un'ottima regia ed una scelta musicale ottima, illuminata dalla bellezza e dalla bravyra di Jennifer Lawrence. Da vedere.




Il pensiero di Enzo Sciamè

Il LATO POSITIVO, terzo film della quarta rassegna cinematografica della Pro Loco è andato in scena ieri sera nel piazzale del convento dei Cappuccini. Un pubblico numeroso ed attento ha mostrato di apprezzare molto sia il film che il luogo del ritrovo.
Quel convento dei Cappuccini che è uno dei luoghi dell'anima per tanti Sambucesi di una certa età. Quel convento che dopo il terremoto chiuse i battenti per tanti lunghi anni.
Fu la precedente Amministrazione Comunale a restituirlo qualche anno addietro, recuperato in parte, alla Comunità, affidandolo all'associazione Oasi Cana. E così risultano fruibili e godibili la bellezza della chiesa e di alcuni locali attigui, ottimamente tenuti dall'associazione.
Un luogo dell'anima, dicevamo, per quelli come me che vi si recavano da bambini a carpirne i misteri di cui i grandi narravano, oppure si andava a raccogliere mandorle ed altro ancora da quei rigogliosi alberi.
I frati cappuccini coltivavano i terreni, tenevano magnifici orti, frequentavano il paese.
Poi c'era il Ferragosto che si festeggiava proprio ai Cappuccini ed il paese intero c'era per devozione e per festa, appunto. 
Altro appuntamento importante era la fiera del bestiame del ventuno settembre, con gli animali accampati lungo il viale e nei campi attigui.
Il Convento e tutt'intorno, dunque, erano vita, fede, condivisione. 
Poi la distruzione, l'oblio.
Ora di nuovo la vita, la ripartenza seppur parziale.
E l'Araba Fenicia c'è ogni volta che occorre valorizzare un luogo, farlo conoscere, invitare i cittadini a sostenerli ed amarli quei luoghi, quella memoria, quel presente.

Il film diventa "pretesto" per tutto ciò. Anche quando si tratta di un film molto bello, intenso, profondo come Il Lato Positivo.
Ancora storie d'amore, di vite complicate.
Eppure c'è sempre un lato positivo nelle dinamiche relazionali. Anche quando c'è da rielaborare un tradimento, un lutto, un fallimento.
C'è un lato positivo nella solidarietà vera tra i vinti, i diseredati, gli emarginati.
Ottimo motivo per riflettere, crescere, ritrovarsi.
Ottimo motivo, ma non l'unico, per sostenere questa bella, giovane Araba Fenicia che ha il volto pulito ed appassionato di ragazze e ragazzi che ce la mettono tutta per fare di Sambuca un paese sempre migliore.
Ce la mettono tutta perché il lato positivo dell'intera Comunità emerga sempre, per rendere più belle le nostre vite.
Un grazie di cuore ed un abbraccio forte.


I SOGNI SEGRETI DI WALTER MITTY

La locandina del film
La locandina del film

MERCOLEDÌ 20 AGOSTO ore 21.00
CORTILE DI SANTA CATERINA (Ex camera del lavoro - Corso Umberto I)

 

Trama:

Walter Mitty lavora da una vita per Life, è l'archivista dei negativi e quindi del tesoro fotografico della rivista. Quando arriva la notizia della chiusura della versione cartacea a favore di quella online (notizia data da un team di biechi ed ignoranti rottamatori incaricati di operare la transizione) si pone il problema della copertina dell'ultimo numero. C'è una foto che il più grande fotografo del mondo ha inviato alla rivista definendola come "perfetta" ma nessuno l'ha vista perchè il negativo non si trova. Sarà proprio Walter Mitty, che non è mai uscito dalla sua città e che è più abituato a vivere nei suoi iperbolici sogni che nella realtà, a doversi muovere per andare alla ricerca dell'avventuroso fotografo e del suo negativo in alcuni dei luoghi più incredibili del pianeta. 

 

Opinioni:

Ben Stiller, oltre che a interpretare con la consueta bravura un personaggio complesso, è anche il regista di questo bel film in cui fantasia, poesia e amare realtà quotidiane formano un mix capace di divertire il pubblico e a cui la partecipazione in ruoli cammeo di Shirley MacLaine e Sean Penn conferiscono ulteriore spessore. Accattivante la colonna sonora.

 

Una polaroid tristemente attuale del mondo del non-lavoro. Molto pittoresca anche la figura di Cheryl simbolo dell'amore in quanto passione che smuove le cose e della speranza verso il futuro, speranza di continuità e stabilità anche nel bel mezzo delle sabbie mobili.




GRAND BUDAPEST HOTEL

La locandina
La locandina

MERCOLEDÌ 27 AGOSTO ore 21.00
SAGRATO DELLA CHIESA DEL ROSARIO (Via Rosario)

 

Trama:

Monsieur Gustave è il concierge ma di fatto il direttore del Grand Budapest Hotel collocato nell'immaginaria Zubrowka. Gode soprattutto della confidenza (e anche di qualcosa di più) delle signore attempate. Una di queste, Madame D., gli affida un prezioso quadro. In seguito alla sua morte il figlio Dimitri accusa M. Gustave di averla assassinata. L'uomo finisce in prigione. La stretta complicità che lo lega al suo giovanissimo neoassunto portiere immigrato Zero gli sarà di grande aiuto.

 

Opinioni:

Wes Anderson è come un ottimo chef pluristellato ed ogni volta che ti rechi al suo ristorante sai già più o meno il menù che ti servirà: conosci bene ingredienti, materie prime, gusto nel metterle insieme, sai che scegliendo quel ristorante ritroverai un clima piacevole ed in un certo senso conosciuto, ma ci vai perché sai anche che lo chef, nonostante il suo tocco riconoscibile, ti saprà donare l'ennesima esperienza unica e avvolgente.

Come in un grande fumettone colorato e le cui immagini sono tutte studiate nel minimo dettaglio la sensazione è di distacco totale dalla propria realtà per quell 2 ore di puro piacere che non possono altro che metterci nuova fame ed attesa di tornare in quel fantasmagorico ristorante, pronti per un nuovo golosissimo menù.


Una volta giunti alla fine, vien voglia di ricominciare perché, poco ma sicuro, qualcosa che sfugge c’è: meditando su questo, si seguono con soddisfazione anche i titoli di coda, non tanto per il comunque travolgente concerto di balalaike quanto per il cosacco animato che danza in un angolo con performances segnate da un crescendo di entusiasmo.




Condividi su: