Multimedia


Foto

Video

Rassegna stampa



Una nuova poesia dedicata alla Pro loco l'Araba Fenicia

Il professore Enzo Sciamè, sambucese residente a Nembro, nel bergamasco, ci invia questa poesia che noi pubblichiamo:

 

La Pro Loco "L'Araba Fenicia"
se non ci fosse
bisognerebbe inventarla.


Ma visto che c'è
basta sostenerla
ovvero amarla.

È per il loco,
per farlo più bello
accenderlo come fosse.. foco.

È la Pro Loco 
che canta Sambuca
per farla migliore.

Diventane anche tu
un magnifico
sostenitore.

Sammuca mia, fa parti di mia               di Domenico Triveri

Ogni vota chi cangiu, m’alluntanu,
nun staiu troppu mali senza di tia,
ma la zanna chi mi liggiu la manu
mi dissi chi tu sini, fa’ parti di mia.

Puru si, a li voti,mi sentu curdiatu,
carzaratu ‘nta li to’ vaneddi stritti,
e vulissi dari ‘n tagliu a lu passatu,
abbannunari ‘sti to’ quattru tetti.

Ma duranu du’ sicunni li stranizzi,
e subitu s’apprisenta ‘dda firnicia,
ripassu ‘nta la menti li to’ biddizzi
e, tempu nenti, sugnu arrè cu tia.

E, comu ‘n nutricu mancu svizzatu,
m’appizzu affamatu a la to minna,
sucannu lu latti comu ‘n dispiratu:
'a liggiu bona,'a manu,‘dda zanna!


Anonimo Ingegnere